60 milioni in 3 anni per chi si prende cura di un familiare non autosufficiente o invalido

Ponte Giulio: una casa sicura è sempre un valido aiuto


Chi si prende cura di un familiare potrà contare su un sussidio statale: nasce, infatti, un fondo per il sostegno dei caregiver. La Commissione Bilancio del Senato ha dato via libera, all'unanimità, all'emendamento che stanzia 20 milioni di euro per ciascuno degli anni 2018, 2019 e 2020 per "la copertura finanziaria di interventi legislativi finalizzati al riconoscimento del valore sociale ed economico dell'attività di cura non professionale del caregiver familiare". Il sostegno sarà quindi destinato alla persona che assiste e si prende cura del coniuge, di una delle parti dell'unione civile tra persone dello stesso sesso o del convivente di fatto, di un familiare o di un affine entro il secondo grado, o di familiare fino al terzo grado che non sia autosufficiente, sia ritenuto invalido o sia titolare di indennità di accompagnamento.

"L'assistenza a persone non autosufficienti - dice Ponte Giulio - richiede ambienti attrezzati che possano semplificare la vita dell'assistito e del caregiver. Chi cura un familiare invalido o con difficoltà di movimento necessita di quanto più aiuto possibile ed un bagno attrezzato con ausili sicuramente agevola, ad esempio, il passaggio dalla carrozzina ai sanitari; una doccia filo pavimento, con seduta e maniglie, consente un agile accesso all'area per il lavaggio; una vasca con porta dà la possibilità di fare un bagno a chi non potrebbe accedere a una vasca normale".

"Da anni - prosegue Ponte Giulio - investiamo in soluzioni che consentano sia a chi ha problemi sia a chi assiste di vivere la quotidianità nel modo più semplice possibile, sempre in condizioni di sicurezza".

"Dopo aver ideato sanitari, lavabo, piatti doccia e accessori funzionali abbiamo fatto un ulteriore passo avanti, come azienda, attraverso la collezione hug che dimostra come si possa avere un bagno adatto alle esigenze di chiunque, al contempo bello e d'arredo e rigorosamente Made in Italy".

"Attraverso colori che rendono gli ambienti accoglienti, maniglie che, oltre a svolgere la loro funzione di ausilio, abbelliscono l'ambiente e lo arredano, sedie e sgabelli in poliuretano integrato di design, piatti doccia e box doccia progettati per assistere nelle operazioni di pulizia ed i lavabi, con un piano d'appoggio ampio, siamo stati in grado di realizzare un progetto in cui il bagno diventa luogo dove le persone trovano uno spazio bello e pensato per le loro esigenze".

"Hug - conclude Ponte Giulio - è realmente un abbraccio, un ambiente dove la cura si esprime in ogni dettaglio ed in ogni particolare e dove la sicurezza diventa parte integrante del luogo in cui si vive".

Ponte Giulio, ci prendiamo cura di voi.