Il bidet questo sconosciuto, a forma di chitarra

Questo sanitario sta iniziando a suscitare interesse anche all’estero: alcuni Paesi lo stanno introducendo nelle loro abitazioni (Argentina, Paraguay e Brasile) altri invece, come il Giappone, lo utilizzano, già unito però al WC.


Lo scorso anno una giornalista di un'importante network inglese dichiarò, in un articolo, l'utilità del bidet. Il pezzo riscosse successo tra i lettori e ne nacque un sondaggio dal quale risultò che il 30% degli inglesi dichiarava di averlo utilizzato in vacanza.

Molti di quegli stessi inglesi non hanno mai lontanamente pensato di inserirlo nella popria casa  ed altri, rientranti probabilmente nel 70% dei non utilizzatori, nemmeno in vacanza, hanno dichiarato  di considerarlo un oggetto strano ed anche poco utile, nella distribuzione di spazi dell'ambiente domestico.


Il bidet un sanitario importante


Perché vi starete chiedendo, visto che in Italia è da sempre una componente importante dell'igiene?

Il motivo ha radici lontane e storiche. La storia del bidet e la sua diffusione, infatti, sono antiche quanto controverse.

Partiamo dal nome che lo si fa risalire ai pony, anzi per meglio dire alla posizione che si assume per cavalcarli.


Tornando alla loro storia: la prima volta che li si incontra è in Francia, sul finire del XVII secolo e l'inizio del XVIII secolo. Nei primi anni del 1700, infatti, il suo probabile inventore, Christophe Des Rosiers, lo installò presso l'abitazione della famiglia reale francese, ma l'oggetto non fu molto utilizzato.


Nell'arredo bagno bidet molto importante


Perché qualcuno ne facesse richiesta occorre attendere la seconda metà del Settecento, quando la Regina di Napoli Maria Carolina d'Asburgo-Lorena ne volle uno nel suo bagno personale alla Reggia di Caserta.

Dopo l'unità d'Italia i funzionari sabaudi, dovendo redigere l’inventario degli oggetti  della Reggia  e trovandosi a dover catalogare il bidet, lo definirono un “oggetto per uso sconosciuto a forma di chitarra”.


Per bagno anziani il bidet è fondamentale


Nei primi anni del Novecento, con la diffusione delle tubature all'interno delle case private, il bidet divenne un oggetto utilizzato non più in camera da letto, ma nel bagno, insieme al water; nel 1960 arrivò un ibrido dei due oggetti, ovvero il bidet elettronico, che però, in Italia, non ha avuto successo.  

Parlavamo di diffusione controversa perché sono pochi i paesi in cui viene utilizzato: a parte l'Italia, dove, secondo un sondaggio del 1995, viene usato dal 97% della popolazione, c'è il Portogallo con il 92%, la Francia con il 42%, Germania 6% e Gran Bretagna 3%.

Alcuni Paesi come gli Stati Uniti arrivano quasi a giudicarli oggetti sconvenienti: pare, infatti, che la prima volta che gli americani abbiano incontrato i bidet sia stato durante la Seconda guerra mondiale, nelle case di tolleranza e quindi lo associano a qualcosa di strano e disdicevole. 


Il bidet un sanitario importante per bagno disabili


Nonostante molti stranieri “confessino” di averne fatto, in villeggiatura, un uso a dir poco inconsueto (vasca per pesci; cestello per ghiaccio; porta scarpe o lavastoviglie), alcuni Paesi lo stanno introducendo nelle loro abitazioni (Argentina, Paraguay e Brasile) altri invece, come il Giappone, lo utilizzano, unito però al WC, nelle case ed anche negli alberghi.

Il vaso sanitario, il lavabo, la doccia, ma anche il bidet rappresentano gli elementi discriminanti di qualunque ambiente bagno.

In pochi ancora, a nostro parere, considerano l'utilità del bidet soprattutto per le persone anziane che, magari non riuscendo più a farsi la doccia da sole, lo utilizzano, assieme al lavandino, come sostituto per il lavaggio del corpo.

Lo stesso si può dire per persone con difficoltà di movimento: non va dimenticato che l’igiene di persone non autosufficienti o anziane è indispensabile per migliorarne la qualità della vita; un aspetto curato e pulito garantisce benessere e valore in qualsiasi cultura.


Il bidet arricchisce ambiente bagno


Per questo abbiamo scelto di offrire una selezione di prodotti articolata all’indispensabile per allestire ambienti bagno: tra questi vi è, appunto, il bidet con un'altezza di 500 millimetri pensato proprio per coadiuvare l’igiene di persone non autonome, momentaneamente inabili, o con limitate capacità di movimento dovute a malattia o età.

Accanto a questo la nostra proposta contempla anche ausili, utili per garantire l'uso sicuro e funzionale dell'ambiente bagno.

Abbiamo scelto di proporre questo tipo di sanitari anche all'estero, convinti che il bidet o il vaso-bidet abbiano grandi potenzialità, soprattutto per le pesone con difficoltà di movimento: questo verrà ben compreso anche nei Paesi che oggi lo giudicano inutile o poco conveniente e, siamo certi, che inizieranno a vederlo decisamente sotto un'altra luce.