Ponte Giulio: quando accoglienza diventa un concetto d’arredo

Gli ambienti pubblici sono ambiti nei quali si genera un elevato traffico di persone. I bagni di questi luoghi devono rispondere a caratteristiche come robustezza, manutenibilità e praticità.


“L’introduzione della rivoluzione tariffaria nei musei dello Stato il 1° luglio ha accelerato fortemente la tendenza positiva all’aumento dei visitatori registrata nel 2014”. Lo riporta il sito del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo che spiega come: “solo nel 2° semestre 2014 infatti il numero dei visitatori nei luoghi della cultura statali sia aumentato di circa 1.300.000 unità (+6,4%)”. I dati dei musei italiani del 2014 sono molto positivi conclude: i visitatori sono stati 40.287.393, rispetto al 2013 si segnala un +6,2% che corrisponde a +2.355.687 visitatori”.



Gli ambienti pubblici, come i musei, sono ambiti nei quali occasionalmente, o in modo continuo, si genera un elevato traffico di persone che hanno necessità, caratteristiche fisiche e culture diverse. Gli ambienti bagno di questi luoghi, ed in particolare i prodotti ad essi destinati, devono rispondere a caratteristiche come robustezza, manutenibilità e praticità, allo stesso modo sia i materiali impiegati, sia la tecnica idraulica, devono essere adeguati per questo tipo di utenze.



Per questo come azienda abbiamo dedicato un intero ambito della nostra produzione e progettazione di soluzioni proprio all’Accoglienza perché riteniamo che chi si trova ad usare, anche occasionalmente, un servizio igienico, ripone fiducia e attenzione alle dotazioni per la sicurezza; in questo senso un approccio “inclusivo” alla progettazione consente l’integrazione delle necessità e dei bisogni di gruppi di persone fino ad oggi marginalizzati, rendendo le aree bagno compiutamente adatte a chiunque, siano essi bambini, adulti, anziani o diversamente abili.



Un altro concetto che riteniamo importante, per questo tipo di ambienti bagno, è che siano organizzati e concepiti in modo flessibile, per evitare importanti interventi che potrebbero essere causa anche di fermi servizio.



I fermi servizio, infatti, non solo danneggiano l’immagine delle strutture atte all’accoglienza, ma creano disagi alle persone, soprattutto se anziane o con difficoltà di movimento.


I nostri articoli sono molto robusti, facili da montare o nell’eventualità sostituire e sono in grado di garantire non solo funzionalità, praticità, sicurezza e igiene, ma anche longevità.


La nostra azienda, infatti, si è posta come obiettivo di creare un nuovo concetto di Accoglienza, mettendo a frutto l’esperienza decennale che abbiamo maturato in questo tipo di installazioni.


Ponte Giulio: quando l’accoglienza vale in qualsiasi ambito.