Un abbraccio a colori: questo è hug by Ponte Giulio

L’azienda abbandona le tinte classiche per colori moderni e che fanno sempre tendenza


Ponte Giulio entra nel futuro e lo fa attraverso il colore. Dalle tinte tenui e pastello di un tempo passa a sfumature metalliche e abbinamenti arditi, a dimostrazione di come, per l'azienda, il domani sia un tempo di rottura dove, come in un ambiente intimo, ci si può permettere di essere sé stessi, anche nelle contraddizioni.

E lo fa attraverso la sua nuova linea d'arredo "hug" capace di creare luoghi dove ci si può prendere cura di sé stessi e degli altri.

Dalle tonalità biscotto, rosa cipria e celeste pastello si è passati al melanzana, al rame e al lime; dal grigio pietra o scuro ai punti grigi, dal rosso ciliegia ai punti rossi.

E queste gradazioni si uniscono ad altrettanti rossi e grigi, come il corallo e il graffite.

"Abbiamo pensato - spiega Ponte Giulio - che queste colorazioni potessero raccogliere il favore sia della terza età, grazie ad un aspetto moderno, come dei più giovani che possono dotarsi di accessori innovativi e di tendenza.

Così le grandi maniglie, dal design contemporaneo, versatili nelle loro versioni orizzontali e verticali si sposano, in una nuvola di colore, con specchi, mobili, contenitori e lavabi, per poi fondersi con mensole e vaschette contenitore.

Mensole rosse su ausili rosso puntinato e mobili grigio seta; sedute rosso corallo o grigio grafite, su strutture a punti grigi o rossi, con mobili bianco puro.
E per chi ama gli insiemi più audaci: strutture rame o lime con sedute grigie o rosse e mobili carta da zucchero.

Per gli amanti del classico non mancano le varianti in acciaio e bianco nelle tre tonalità; caldo, normale e puro.

"Da tempo - conclude Ponte Giulio - siamo convinti che arredo non sia solo forma, ma anche e soprattutto colore: per noi prenderci cura degli ambienti e di chi li abita significa renderli accoglienti e caldi. Anche da questo nasce il nome della linea: cosa c'è di più caldo e accogliente di un abbraccio? E in questo ringraziamo il designer di "hug" Daniele Trebbi che è riuscito a trasformare in forme e colori questo nostro sentire, dandogli vita e ridando vita a tanti ambienti bagno".

"Lasciate che ci prendiamo cura di voi, lasciatevi abbracciare".

"hug" life caring design.